venerdì 13 aprile 2018

Recensione "Endora. Il tempo degli inganni" di Fernanda Romani

Autrice: Fernanda Romani
Titolo: Endora. Il tempo degli inganni
Data di pubblicazione: 5 marzo 2017
Pagine: 287
Serie: #3 Endora

Trama:
LA SAGA DI ENDORA – VOLUME TERZOTre scenari e tre campi di battaglia in questo nuovo terzo episodio.Sul confine ovest del regno di Endora gli attacchi dei selvaggi Qanaki si fanno sempre più audaci. Naydeia si trova a fronteggiare un nemico molto pericoloso con un reggimento stremato e pieno di reclute, mentre il suo matrimonio con Killiar continua ad essere un’incognita, colma di troppi silenzi e incomprensioni. Tra Daigo e l’ex libero-amante è nata un’amicizia ambigua, basata sull’inganno e sulla solitudine, perché l’Aldair vuole avvicinarsi sempre di più al marito di Naydeia, in cerca della propria vendetta.A sua volta, Killiar è molto vulnerabile; troppo solo e tenuto a distanza anche da sua moglie che, pur amandolo profondamente, non riesce a credere al suo interesse verso di lei.Ma il destino è in agguato, pronto a sconvolgere il gioco astuto di Daigo e a mettere alla prova amori e amicizie. La ferocia dei barbari porterà sangue e morte, e i disegni del fato metteranno allo scoperto verità dolorose e segreti antichi. Nella capitale, Omira, spie e sicarie si muovono in una guerra d’intrighi altrettanto pericolosa, portando avanti la congiura per schiacciare gli aneliti di libertà dei maschi del regno. Yadosh e Rainna devono difendere non solo se stessi e le loro alleate, ma anche la famiglia. Gylia, la figlia maggiore, milita nelle Jamirie, ignara della loro corruzione, ma decisa a difenderne l’onore. Invece Nhavi, la figlia minore, si prepara a combattere al fianco della madre e dell’uomo che considera un padre. Com’è possibile fare ciò che è giusto quando questo divide la tua famiglia?Infine, la lotta tra le Sacerdotesse di Katra e le Sciamane di Alcheria si fa sempre più violenta, la magia dello Spirito Guerriero acquista energia e si prepara a reclamare il proprio posto nella società di Endora. Solo un tributo di sangue può fermare la sua corsa verso la verità, e chi è disposta a pagarlo va incontro a un destino di morte.Rimane ancora una speranza per mutare il destino degli uomini di Endora: l’Ultimo Erede di Innho, anche se di lui si sono perse le tracce. Come e dove trovarlo?


Recensione "Indegno" spin-off e prequel qui;
Recensione "Endora. Uomini sottomessi" #1 qui;
Recensione "Endora. Donne d'ombra e di spada" #2 qui.

Finalmente ho proseguito questa saga, che si fa sempre più corposa e avvincente!
Siamo nel regno di Endora, dove il potere è tutto nelle mani delle donne, dove gli uomini valgono poco o niente, dove la guerra sembra non finire mai.
Abbiamo di fronte questa società femminile che penalizza proprio la figura maschile, in base a una leggenda passata. È così e basta, viene inculcato questa ideologia dalla nascita, anche se qualcuno per fortuna inizia ad avere dubbi.

In questo terzo capitolo viene proprio elaborata questa parte, la maledizione e tutto ciò che ne consegue. Almeno in una delle tre parti, perché il libro è così suddiviso: abbiamo Yadosh e Rainna che si muovono sempre a livello più politico (anche se non manca l'azione pure qui), poi abbiamo Killiar che deve destreggiarsi tra Daigo e sua moglie Naydeia, e abbiamo pure le sacerdotesse e le sciamane che devono compiere un rito. 
Politica, guerra, mistero/religione. Gli ingredienti di un signor fantasy ci sono tutti.

La trama quindi è sempre molto articolata anche se decisamente ben spiegata. Questo forse è il libro che più mi ha aiutata a capire di tutta la saga. L'ho trovato proprio quello delle spiegazioni. Forse però ne ha risentito in azione, perché, soprattutto la parte al fronte, l'ho trovata meno dinamic4.
Sì, era un uomo solo. Solo tra quelli del suo popolo, solo in mezzo alle donne, solo quando era con sua moglie. Un uomo fuori posto, sempre.
Il mio personaggio preferito, Daigo, cambia atteggiamento e questo mi ha spiazzata. Ho capito l'esigenza di farlo ma lo stesso ho avuto come un fastidio. Però sono sicura che ha ancora molto da riservarci e sono fiduciosa.

Lo sviluppo della vicenda mi è piaciuto molto e la curiosità ora è alle stelle. 
I personaggi sono sempre caratterizzati benissimo e a parte Daigo sono o buonissimi o cattivissimi  (forse per questo che lui continua a essere il mio preferito). Nel fantasy la contrapposizione non stona ma io amo quelli ambigui, che possono sempre stupirti.

Lo stile di Fernanda ancora una volta mi ha conquistata. Scorrevole ma colto, curato ma che non stufa. Ha una penna che mi piace molto, non è mai eccessiva né parca. Per me leggerla è sempre un piacere, mi coinvolge molto.

Questa saga mi appassiona sempre molto, spero di non aspettare troppo per il seguito, sono veramente tanto curiosa.
Voto:

Voi leggete fantasy? Come vi sembra un mondo con solo donne al potere?


4 commenti:

  1. Mah, penso che sarebbe cattivo come il mondo attuale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo penso, il libro in questo è molto interessante

      Elimina
  2. Fernanda Romani14 aprile 2018 22:55

    Grazie, Chiara, sono felice che anche questo terzo episodio ti sia piaciuto.

    RispondiElimina