lunedì 16 aprile 2018

Recensione "Non ho tempo per amarti" di Anna Premoli

Autrice: Anna Premoli
Titolo: Non ho tempo per amarti
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 4 gennaio 2018
Pagine: 315

Trama:
Julie Morgan scrive romanzi d’amore ambientati nell’Ottocento. Di quell’epoca ama qualsiasi cosa: i vestiti lunghi, gli uomini eleganti, le storie romantiche che nascono grazie a un gioco di sguardi o al semplice sfiorarsi delle mani… L’unica cosa che salva del mondo di oggi è lo shopping online, che le permette di non mettere il naso fuori dal suo amatissimo e solitamente silenzioso appartamento. Almeno finché – proprio al piano di sopra – non arriva un misterioso inquilino: un ragazzo strano, molto giovane e vestito in un modo che a Julie fa storcere il naso. È davvero un bene che lei sia da sempre alla ricerca di un uomo d’altri tempi, perché il suo vicino, decisamente troppo moderno, potrebbe rivelarsi ben più simpatico di quanto avrebbe mai potuto sospettare…


Che bello quando un'autrice è fedele al suo stile! Avevo bisogno di una lettura leggera da alternare a una tanto impegnativa (A bocca chiusa non si vedono i pensieri) per non impazzire e ho scelto Anna Premoli sperando di trovare una storia allegra e frizzante. Così è stato, le aspettative non son state deluse.
Davvero, perché è così divertente? Non potrebbe essere... che ne so... un pallone gonfiato? Perché invece è così fastidiosamente adorabile? 
Julie è un'amica di Laurel del libro È solo una storia d'amore, è quella che scrive romanzi storici e del periodo Regency adora tutto: lo stile, l'abbigliamento, i modi di parlare e di comportarsi, l'etica. Ha subito in passato una delusione d'amore ed è felicemente single, contenta della sua vita tranquilla. Finché una rock star giovane ed esuberante, dall'accento inglese così sexy, le stravolgerà la vita.
Terrence (suddetto giovane) però anche se all'apparenza incarna la rock star per antonomasia nasconde un animo nobile che riuscirà a farsi strada nella corazza di Julie.

Conoscete il film Harry ti presento Sally? (State pensando tutti a quella famosa scena, lo so) A me questo libro lo ha ricordato molto, non perché sia copiato, ma per il raccontare una grande amicizia che pian piano si trasforma in qualcosa di più.
Julie e Terrence sono due persone molto diverse all'apparenza ma molto simili per ciò che conta. Sono prima di tutto amici, si capiscono al volo, ridono per le stesse cose, si completano.
Ho adorato i loro battibecchi, le prese in giro. Hanno dato al libro la giusta impronta allegra.
Abbiamo fatto clic.
Non amo molto i romanzi storici quindi non mi sono ritrovata in Julie, ma lo stesso ho fatto il tifo per lei anche se a volte avrei voluto prenderla a sberle. Essendo il libro raccontato in prima persona col suo POV di Terrence ho visto la sua versione, che ho adorato.

Il tema principale è la differenza di età, i famosi 11 anni che lei ha in più. Capisco che sia importante ma per me l'autrice ha esagerato nel sottolinearli a ogni occasione come unico ostacolo fra loro. A volte l'ho trovato pesante mentre per esempio argomenti come la differenza sociale o la fama non sono stati così esasperati anzi li ho trovati sottotono.
Non sono vecchia, ma sono un po' all'antica. In un certo senso è persino peggio.
Questo libro si legge in un soffio, complice anche lo stile semplice e scorrevole dell'autrice. Ho apprezzato anche le battute sulla politica americana, hanno reso il tutto meno frivolo.

So che tutte le lettrici stanno aspettando la storia di Norman, (personaggio secondario sia di questo che di È solo una storia d'amore) io però non vedo l'ora di leggere il libro di Audrey, l'altra amica di Julie e Laurel, quella che scrive erotici ed è allergica ai matrimoni. Ho riso tantissimo per le sue battute e l'ho proprio adorata.

Un libro leggero e simpatico, che si legge in un soffio, ideale per staccare la spina.
Voto:



14 commenti:

  1. la Premoli è ormai un appuntamento fisso nella vita di lettrice non ne faccio più a meno. i suoi libri sono una sferzata di vitalità.
    mi ritrovo molto nelle tue parole. condivido tutto tranne la parte finale ... io sono tra quelle che aspettano Norman al varco e speriamo che la nostra Anna si sbrighi, che qui siamo impazienti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Norman è supergettonato, io però ho avuto un debole per Audrey

      Elimina
  2. Che sprizzata di allegria questo libro. Leggere la Premoli è un pò come respirare aria buona e mi fa sempre lo stesso effetto. Felice che ti sia piaciuto Chiara, anche a me è piaciuto tantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio una dose di allegria, fa bene

      Elimina
  3. Anche a me è piaciuto molto. Effettivamente rimarca troppo questi 11 anni in più di lei... io amo molto le storie della Premoli.

    RispondiElimina
  4. Ultimamente sto adorando i libri in cui c'è la differenza di età ma all'inverso, è un periodo buono xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi è dispiaciuto per niente questo e l'unico altro che ho letto l'ho adorato (L'isola dell'amore proibito)

      Elimina
  5. Questa tua avversione per gli storici ti deve passare -_-
    Io ho un blocco con quest'autrice, non ricordo se te lo avevo già detto ma dopo il suo primissimo libro non sono più riuscita ad approcciarmi a lei >_<
    P.S. Sì vabbé, anch'io ho pensato subito a quella famosa scena ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella scena è impressa a fuoco nelle nostre menti ahahah

      Elimina
  6. Ciao Chiara, anche io ho un avversione per gli storici, ho letto solo una serie ambientata in una Londra Vittoriana, ma solo perché a scriverla era Cassandra Clare... io non so resistere agli Shadowhunters, ma oltre alla serie delle Origini non sono mai riuscita a leggere nulla di questo genere e quindi anche io non mi sono sentita molto vicina alla protagonista femminile, ma il romanzo l'ho adorato e il protagonista maschile l'ho trovato favoloso e se fossi stata nella protagonista avrei potuto avere anche 20 anni di differenza, ma non mi sarei fatta tanta paranoie 😁😁
    La Premoli è, comunque, fantastica 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le Origini della Clare le ho lette anche io, ogni tanto faccio qualche eccezione, anche per la De Winter per esempio. Ma non è tanto il mio di genere. Questo libro però mi ha fatta proprio ridere. Grazie Frency!

      Elimina
  7. Ciao, sembra interessante e leggera, ottima recensione

    RispondiElimina