giovedì 5 aprile 2018

Tu leggi? Io scelgo! - #1 "Point Break - Book One: in the city" di Marion Seals

Buongiorno lettori! Oggi vi parlo di una nuova rubrica, data dall'idea di Rosaria, prendendo spunto dalla rubrica Questa volta leggo.


La rubrica, a cadenza mensile, consiste nel leggere un libro recensito da un altro blog partecipante. L'ordine di scelta è casuale, abbiamo usato random.org e per questa prima volta io sono stata fortunatissima, mi è capitata Rosa, del blog Briciole di parole. Abbiamo gusti molto simili e ho avuto l'imbarazzo della scelta. Alla fine la scelta è ricaduta su questo libro:

Autrice: Marion Seals
Titolo: Point Break - Book One: in the city
Editore: Self
Data di pubblicazione: 15 dicembre 2017
Pagine: 419
Serie: Living NY Vol.2

Trama:
Il destino li ha fatti incontrare.
Il pericolo li ha costretti a fuggire.
L’amore li metterà di fronte ai loro limiti.
Randy Bennett ha sempre saputo ciò che voleva da New York: la possibilità di essere se stesso e di realizzare tutti i suoi sogni.
Per Charlotte Davis la City è una porta chiusa su un passato ingombrante, ma anche un nuovo lavoro, fatto di certezze e razionalità. 
Ryons e Finnigan, ex Forze Speciali e contractor alla BLACK EAGLES, vedono nella metropoli il luogo dove poter continuare a fare ciò che hanno sempre fatto: proteggere le persone, lasciando scorrere il tempo in una rassicurante routine.
La Grande Mela, però, ha in serbo per tutti loro una sorpresa.
Ognuno di loro sarà messo alla prova, con il rischio di perdersi.
Point Break - Book One: in the city è la prima parte di una duologia che si concluderà a febbraio 2018 con l'uscita di Point Break - Book Two: on the road. Se Big Apple è un chick lit, Point Break - Book One: in the city è un romantic suspense e narra la storia di Charlotte, Ryons, Randy e Finnigan (Iceman) che avete già conosciuto nel primo libro della serie.
Living NY è una serie romantic multigenere che affronta tutte le sfumature dell'amore.




Più di due anni fa lessi il primo di questa serie, Big Apple (qui la recensione) e mi innamorai dello stile di questa autrice. Ecco un caso di self che non ha nulla da invidiare a chi pubblica con una casa editrice, dove tutto è molto curato in ogni dettaglio.
Point Break è il secondo della serie ma cambia i protagonisti. Si può leggere anche da solo ma secondo me andrebbero affrontati di seguito e, se posso fare un appunto, non a distanza di due anni.
In alcuni momenti ho avuto proprio qualche vuoto, ho proprio pensato: chi diavolo è questo? Le cose secondarie non sono così immediate e a volte non è spiegato così bene. Ho avuto dei "buchi" ma non hanno influito su questa storia.

La prima cosa che mi viene da dire è che è leggermente diverso dal primo libro, lo specifica anche l'autrice nelle note finali. Innanzitutto le coppie protagoniste sono due, quindi abbiamo ben quattro pov, tutti in prima persona. Anche il genere è leggermente variato, si passa da un chick-lit a un romantic suspense .
Le trama è tutta intersecata e molto avvincente. L'empatia con i protagonisti è immediata e molto forte, la loro caratterizzazione è decisamente accurata.
Le personalità sono molto nette e ben spiegate, a prima vista quasi insopportabili ma che rapiscono il cuore dopo poche righe. Impossibile non amare Randy, col suo modo di fare così sopra le righe, così come non si può non aver voglia di abbracciare Charlotte, magari dopo averla strozzata, per la sua fragilità mascherata così bene dalla sua corazza. Anche per i "militari" Ryons e Iceman ho provato simpatia, anche se ogni tanto mi hanno fatta arrabbiare. Credo che l'intento fosse proprio quello.
Ognuno di noi ha un sistema per difendersi, c'è chi si mimetizza e chi invece attacca, prima di essere a sua volta assalito.
Ho adorato la maturazione che avviene nel corso della storia, la crescita di ogni personaggio. È la parte che ho apprezzato di più. Mi è anche piaciuto ritrovare i nomi già letti in Big Apple, quelli che ricordavo almeno (ci ho messo un po' a farmi venire in mente di Thomas per esempio).
Il ritmo è incalzante, soprattutto da metà in poi e i colpi di scena non mancano.
Negli anni ho capito che le cose non capitano mai per caso, che ognuno di noi ha come una linea tracciata che deve seguire e spesso, per quanto ti sforzi di abbandonarla, ricompare e ti riporta sulla rotta, nel bene o nel male.
Lo stile è quello che ricordavo, semplice e diretto e di nuovo non sono riuscita a posarlo, ho fatto le ore piccole per finirlo, ogni minuto libero era buono per leggerne un pezzo.
Mi sento però di fare qualche critica, anche per spiegare la votazione non piena. A parte lo smarrimento di qualche personaggio secondario, che però è cosa di poco conto, ho patito un po' il voler sottolineare così tanto le caratteristiche dei vari caratteri. Ho trovato spesso le cose eccessive e ridondanti, facendo cadere i vari personaggi in stereotipi troppo netti.
E poi il finale che finale non è. Avevo ben chiaro dall'inizio che sarebbe stata solo la prima parte ma comunque una formula di chiusura me la sarei aspettata, anche sotto forma di cliffhanger. Invece la sensazione che ho avuto è stata di troncamento, come a voler prendere un libro e spaccarlo a metà.
Per il resto non vedo l'ora che esca la seconda parte, la sinossi parla di febbraio 2018 quindi anche se è già in ritardo spero di non dover attendere troppo, sono decisamente curiosa.
Se non l'avete ancora letta, vi consiglio questa serie, scegliete però momenti in cui avete tempo di leggere, la tentazione sarà fortissima.
Voto:

Voi cosa mi dite, conoscete questa autrice? Io di suo ho letto anche la saga fantasy (distopica?), amo molto il suo modo di scrivere.

Non perdetevi le altre tappe della rubrica



Cosa mi dite di questa rubrica? Vi piace?




24 commenti:

  1. avevo visto questo libro proprio sul blog di rosa. non ricordavo fosse una serie, ma sai che mi hai messo una forte curiosità? segno.
    questa nuova rubrica mi piace tantissimo e so che ci regalerà tante sorprese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace un sacco l'idea di questa rubrica. Leggi prima Big Apple se riesci, è meglio

      Elimina
  2. Mhm mi sa che io passo questa volta, ma bella la tua recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Susy! Big Apple però sarebbe proprio il tuo di libro

      Elimina
  3. Ok... è ufficiale: morirò sommersa da libri che volevo leggere... mi piace la Cover di questo libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi morire Menna, hai firmato col sangue

      Elimina
  4. Passo anche io, non è il mio genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosaria immaginavo ma l'idea della rubrica è geniale, grazie

      Elimina
  5. Il primo me lo hai consigliato tu... ora lo leggo eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava leggi, che fonti certe mi dicono che il seguito arriverà presto

      Elimina
  6. Il primo l’ho letto tanto tempo fa(cioè un anno fa,ma con la mia labile memoria,mi sembra passato un secolo) e ricordo che mi era piaciuto tanto! Più che dei buchi,ho delle voragini,quindi per me d’obbligo RILEGGERE tutto e a questo punto,come consigli tu,pure tutto insieme! Grazie della recensione 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Ludovica, non vedo l'ora che esca il seguito ora, leggi!

      Elimina
  7. Questa serie non la conoscevo per nulla, ma adoro l'idea che sia auto-pubblicata. Io sono una grande sostenitrice dell'auto-pubblicazione. Quello che non mi spiego è: come mai a suo tempo non ti sei precipitata a leggere il secondo? Non era ancora uscito, o anche il primo è leggermente tiepido con il senno di poi? Perché devo decidere se ne vale la pena... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo per me è tutto fuorché tiepido ma, per fortuna, ha una sua conclusione. Quando è uscito questo l'ho messo subito in lista ma hai presente le nostre liste? Sono in ritardo solo di tre mesi dai

      Elimina
  8. Non conosco questa serie e passo perché non è il mio genere. Comunque questa rubrica mi piace.

    RispondiElimina
  9. Ti è andata bene stavolta ihihih ;) Io l'ho adorato come sai, e come te però ho trovato troppe ripetizioni, soprattutto in quei capitoli iniziali, poi la cosa non capita più (o almeno io non l'ho sentita). Charlotte a volte l'avrei strozzata, altroché! E Randy, ciccino... non vedo l'ora di leggere la seconda parte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è andata di super lusso con te! Così ne ho anche approfittato per leggere questo, ora non vedo l'ora di avere tra le mani il seguito!

      Elimina
  10. Anche a me è piaciuto molto e anch'io sono impaziente per il seguito, ma Big Apple resta, per adesso, un gradino sopra nella mia classifica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me Sonia, l'autrice però si è confermata una garanzia

      Elimina
  11. Randy lo adoro!!! Mi è piaciuto molto il cambio di genere e l'autrice ha portato avanti benissimo i quattro punti di vista.....non vedo l'ora arrivi il secondo volume

    RispondiElimina
  12. interessante..confesso che non conoscevo questa scrittrice...

    RispondiElimina